Peggy Guggenheim collection

Peggy-Guggenheim-Collection-Ve

Peggy Guggenheim Collection

Partiamo dall’importantissimo museo veneziano per scoprire la storia della collezionista e mecenate americana che lo ha fondato

La Collezione Peggy Guggenheim è uno dei più importanti musei d’arte europea e americana del XX secolo in Italia.

La Peggy Guggenheim Collection si può visitare a Venezia, nel settecentesco Palazzo Venier dei Leoni. Il Palazzo è affacciato sul Canal Grande e si trova nel sestiere di Dorsoduro, non lontano dal Ponte dell’Accademia. Il museo presenta opere di artisti come Picasso, Kandinskij, Magritte, Klee e Mondrian, comprate da Peggy Guggenheim nel corso del Novecento.

venezia

Peggy-Guggenheim-Collection-VeneziaPeggy-Guggenheim-Collection-PGC -sala-PGC salaPGC-map

COLLEZIONE PEGGY GUGGENHEIM, VENEZIA - 2010 SPAZI MUSEALI ESTERNI - GIARDINO

All’ingresso si legge “Peggy Guggenheim Collection. The Solomon Guggenheim Foundation” perchè Peggy ha donato la sua collezione a questa fondazione americana, di cui parleremo più avanti.

ingresso PGC

Andiamo indietro nel tempo e approfondiamo la storia di Peggy Guggenheim. Nella  foto sotto la vediamo con i suoi amati cagnolini nel suo palazzo, in primo piano una scultura di Calder mentre appeso sulla sinistra si intravede un dipinto di Picasso (Sulla spiaggia, 1937).

Una curiosità: Peggy ha avuto tantissimi cani, quasi tutti erano lhasa, un cane tibetano dal pelo abbondante

PG a casa sua

PG 1951

Eccoci nel 1949 quando Peggy, collezionista d’arte, ha aperto parte della sua casa, al pubblico, inizialmente con una mostra di sculture, poi, dal 1951, con regolarità.

PG casa

Peggy era innamorata di Venezia dove aveva cercato una casa con giardino ed aveva acquistato nel luglio 1949 proprio il Palazzo Venier dei Leoni. Nella foto sopra Peggy nella sua casa (ora museo, confronta le foto delle sale poco sopra).

L’anno precedente, 1948, aveva esposto a Venezia, all’Esposizione Internazionale d’arte (Biennale), la sua collezione.

In queste foto la si vede impegnata nell’allestimento di questa mostra e si intravedono le opere di Calder (la scultura Arco di petali), Mondrian alle sue spalle mentre sistema la scultura Pierrot seduto di Lipchitz, e infine il dipinto di Mirò.

Abbiamo visto che Peggy non era solo una collezionista ma anche una mecenate … cosa significa?

Peggy-Guggenheim-con-Jackson-Pollock

Mecenate significa “protettore” di artisti, una persona che riesce a sostenere, in vari modi, un artista. Peggy negli anni ’40 prende sotto la sua ala protettrice Jackson Pollock ma si adopera per aiutare anche altri artisti.

La sua missione è far conoscere, negli Stati Uniti e nel mondo, l’arte moderna e contemporanea.

In queste immagini la sua galleria d’arte-museo a Manhattan, New York. Peggy aveva comprato uno spazio nella 57a Strada dove aprì la galleria “Art of this Century”. È il 1942, Peggy possiede 170 opere.

pegeen at the guggenheim jeune gallery

Precedentemente Peggy aveva aperto la sua prima galleria, a Londra, nel 1938 e l’aveva chiamata “Guggenheim Jeune” (jeune in francese significa giovane).

Nella foto la figlia maggiore di Peggy, Pegeen, nella galleria londinese.

peggy sindbad e pegeen

Ecco Peggy con entrambi i suoi figli, Pegeen e il fratello Sindbad

parigi anni 30

Peggy a Parigi nel 1940 circa. Sono gli anni in cui forma e arricchisce la sua collezione.

Compie una lunga serie di viaggi.

Nel 1918, a New York, Peggy lavora per un breve periodo in una libreria, la Sunwise Turn. Qui scopre un’opera di Georgia O’Keeffe, il primo quadro astratto che avesse mai visto e in quel momento decide di approfondire l’astrattismo, voleva essere aggiornata su quanto accadeva nel mondo dell’arte.

von_lembach_peggy_298

E in quest’immagine, Peggy, da bambina, a circa 6 anni, ritratta a Monaco di Baviera da Franz von Lenbach (1904 circa).

Peggy, soprannome di Marguerite, nasce in una famiglia importante e famosa a New York.

Benjamin Guggenheim

Il padre, Benjamin, fa parte di una famiglia proveniente dalla Svizzera tedesca, che aveva costruito la sua fortuna nel campo dell’estrazione di argento e rame e nell’industria dell’acciaio. La madre Florette era figlia di un noto banchiere americano. Il padre muore sul Titanic nel 1912 e le lascia un’importante eredità.

Abbiamo nominato all’inizio Solomon Guggenheim (1861-1949), lo zio di Peggy.

Solomon fu collezionista di opere d’arte. Nel 1937 nacque la Fondazione Solomon R. Guggenheim.

Guggenheim_FLW_Rebay_Solmon.0

In questa foto, Solomon (a destra), Hilla Rebay (studiosa e artista tedesca, consigliera e curatrice della collezione) e l’architetto Frank Lloyd Wright, autore del progetto per il museo newyorkese (1943).

Il museo verrà poi aperto nel 1959 ed è oggi importantissimo e famosissimo.

Guggenheim NY

Alla fondazione Solomon R. Guggenheim, Peggy ha donato la sua collezione.

PER CONTINUARE A DOCUMENTARSI…

Puoi scoprire di più sul sito del museo https://www.guggenheim-venice.it/it/

Per leggere la storia di Peggy Guggenheim (1898-1979), Artextutti ti consiglia “Peggy Guggenheim. La mia vita a colori”, di Sabina Colloredo, edito da Einaudi Ragazzi.

Mentre se sei curioso di conoscere gli autori elencati nell’articolo, troverai tante informazioni qui sul nostro blog

One thought on “Peggy Guggenheim collection

  1. Pingback: Calder

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: